Gli argenti antichi deveono gran parte del loro fascino, oltre che alla bellezza dell’aggetto e alle sue qualità artistiche, anche al fatto che esso è stato costruito manualmente dall’artigiano senza l’aiuto di mezzi tecnologici e quindi risulta un pezzo unico e irripetibile.

 

E’ una storia millenaria quella che sta alle spalle della maestria e dell’abilità dei maestri argentieri ma è nel Quattrocento che, sotto la spinta della “rivoluzione  umanistica” del Rinascimento, l’argento fa il suo trionfale ingresso nella vita di tutti i giorni: in tavola, con piatti, coppe, saliere e, finalmente, coltelli e forchette, di varie fogge e dimensioni; per l’igiene personale, con brocche e bacili; in casa, con soprammobili, centri tavola e candelieri d’aspetto sontuoso, arricchiti con pietre preziose, dorature e smalti.
Le grandi corti imperiali europee ed extraeuropee, che invece dominarono il Settecento, l’Ottocento e il primo Novecento, furono le committenti della migliore argenteria per adornare le proprie sontuose dimore.

 

La nostra gioielleria propone pezzi selezionati che vanno da metà del XIX sec a metà del 1900.

 

 

WhatsApp