Le perle costruiscono da sé il loro splendore. La creazione di una perla è un processo affascinante che richiede molto tempo e cura. I gemmologi classificano le perle in generale come gemme di colore di origine organica che si formano in alcuni tipi di ostriche di acqua di mare e in alcune conchiglie di acqua dolce.

 

LA FORMAZIONE DI UNA PERLA

LE TIPOLOGIE DI PERLE:

 

Le Perle AUSTRALIANE dei Mari del Sud

South-Sea-PearlsLe perle dei Mari del Sud sono interamente formate da perlagione naturale, detta nacre, che circonda un piccolo nucleo inserito nelle parti vitali dell’ostrica. Le perle dei Mari del Sud sono le più grandi, quelle con il nacre più spesso, e sono anche le più preziose essendo le più difficili da produrre. L’ostrica madre di queste perle è la Pinctada Maxima che vive nelle calde, tranquille e pure acque blu dei Mari del Sud. Un ambiente incontaminato, ricco di plancton, e la grandezza dell’ostrica sono requisiti fondamentali per la produzione dello strato di perlagione. Se le condizioni sono favorevoli le ostriche tendono ad accettare nuclei più grandi e possono essere inseminate anche 3 volte. La Pinctada Maxima dona a queste perle oltre a una notevole grandezza, anche un nacre molto spesso, una vellutata opalescenza e un’indefinibile gamma di colori. Le perle impiegano circa 24 mesi per crescere e raggiungono dimensioni dai 10 ai 18 mm di diametro. La Pinctada Maxima a labbra argentate origina, nella quasi totalità dei casi, perle bianco-argentate che possono tendere al rosa, al grigio scuro o al verde; quella a labbra dorate produce gemme che tendono al giallo o all’oro. Vengono prodotte nell’area geografica che si estenda dalle coste dalla Birmania fino alle coste del nord dell’Austalia.

 

 

 

Le Perle TAHITI dei Mari del Sud

sfumature perle tahitiSono perle di colore originale molto scuro. Sono prodotte nelle ostriche a labbra nere dette Pinctada Mergaritifera. Sono coltivate in tutta l’area polinesiana. Hanno un diametro che varia da 8 a 14 mm. Più raramente raggiungono i 16/17mm. Hanno innumerevoli sfumature di colore che vanno dal grigio scuro al nero inchiostro. Vengono coltivate principalmente nella Polinesia Francese.

 

 

 

 

Le Perle GIAPPONESI d’acqua salata

Genisi_blog-perle_Le-differenze-tra-Akoya-cinesi-e-Akoya-giapponesi_3-750x400In assoluto le perle più conosciute e commercializzate grazie alla loro qualità tipicamente molto alta. I vivai di queste produzioni si trovano a sud del Giappone, nei pressi delle isole Ryu-Kyu ad Okinawa, alle isole Shikoku e Kyushu; altri centri di coltivazione si trovano vicino a Kobe, Kyoto e nelle baie di Ago e Ise. Il mollusco utilizzato è il Pinctada Martensi, anche chiamato appunto Akoya e cresce ad una temperatura compresa tra i 18°C e i 25°C. La formazione della perlagione è di 0,15-0,30 mm l’anno ed il periodo di coltivazione ha una durata compresa tra 1 e 3 anni. Il diametro del nucleo utilizzato per la creazione di questa perla oscilla tra il millimetro e gli 8 millimetri. Le perle hanno una dimensione che varia solitamente dai 2 ai 10 millimetri, raramente più alta. La colorazione è tipicamente bianca, rosa, crema e con svariate sfumature. Rarissime sono invece le perle grigie. Si possono trovare moltissime forme: a pera, a goccia, barocca, ovaloide, sferica.

 

 

 

Le Perle CINESI Freshwather d’Acqua Dolce o di Fiume

freshwater pearls sopranaLe perle fresh water sono quelle chiamate comunemente “di fiume” o “d’acqua dolce” ed apparirono sul mercato internazionale verso la fine degli anni ’50. Le più conosciute provenivano in passato dal Lago Biwa, in Giappone (questa produzione si esaurì subito a causa dell’elevato tasso di inquinamento dell’acqua che non consentì più la coltivazione). In seguito, ed attualmente, la maggior parte delle perle coltivate proviene dalla Cina (e in misura minore dal Vietnam). I tempi di coltivazione di queste perle sono dai 9 ai 24 mesi circa; i molluschi sono l’Hyriopsis Schlegeli in Giappone e la Cristaria Plicata in Cina e Vietnam. Negli anni ’80 si è anche iniziata la coltivazione del mollusco Unio negli Stati Uniti (Texas e Tennessee). Le perle d’acqua dolce sono genericamente di forma irregolare, barocca ed ovaloide (simile ad un chicco di riso), anche se negli ultimi 5 anni le produzioni sono diventate di ottima qualità anche per quanto riguarda la forma perfettamente sferica. Si presentano con colorazioni bianco-crema con possibili sfumature arancio, rosa e bronzo. Presentano una perlagione raramente simile per lucentezza a quella delle perle coltivate Giapponesi e dei Mari del Sud, questo comporta che siano meno preziose.

 

 

 

I CRITERI DI VALUTAZIONE DELLE PERLE

Le perle vengono classificate in base a 5 criteri: Lucentezza Superficie Forma Colore Dimensione

 

classificazione-delle-perle-coltivate-e1514137196274-1024x867

 

 

 

 Le diverse forme delle Perle

CLASSIFICAZIONE DELLA PERLA FORMARotonda – Ovale – Goccia – Bottone – Quasi Rotonda – Barocche – Semibarocche – Cerchiate

 

 

 

 collane_di_perle_4aa262f5b4735

infilatura e manutenzione

prendersi cura delle PERLE

mantieni nuovo il tuo gioiello

la maestria della selezione

DAMIANI le Perle

Scopri la collezione

le_perle

 5182fc78dfa76

il magico mondo dell'australia

UTOPIA JEWELS

scopri la collezione

 

WhatsApp